Come funziona il trasporto privato da un ospedale a un altro: le ragioni, l’organizzazione e la responsabilità

Le ragioni

Possono essere diverse le ragioni che spingono una persona a voler cambiare struttura per il suo ricovero, preferendo un altro ospedale o clinica. Molte volte può capitare che un paziente venga ricoverete lontano da casa poiché vi è una cornica mancanza di posti letto perciò si sistema un paziente nel primo letto libero, anche se è molto distante da casa.

In altri casi, il paziente può preferire un’altra struttura perché magari lì lavora un parente o un amico. Un’altra struttura può essere considerata come quella di fiducia per via di molti ricoveri che hanno cerato un legame con il personale medico di cui il paziente si fida di più e con cui si trova più a suo agio.

Inoltre, il paziente può voler cambiare struttura per il suo ricovero perché non è soddisfatto del trattamento ricevuto, preferendo così cambiare aria e cercare uno staff medico più attento e disponibile presso una stortura diversa.

L’organizzazione

Quando è il paziente a desiderare di cambiare struttura del suo ricovero per ragioni di tipo personale piuttosto che mediche, allora non si possono usare le ambulanze pubbliche del 118 che devono restare libere in caso di emergenza. Per risolvere il problema del trasporto del paziente, questo deve organizzare tutto da sé, contattando una società di ambulanza private che metta a sua disposizione un mezzo per il trasferimento che a bordo ha le medesime dotazioni di un’ambulanza pubblica. L’unica differenza sta nella gestione dei costi poiché non sono a carico del pubblico ma del singolo che ne ha fatto richiesta.

La responsabilità

Per il trasferimento privato il paziente è tenuto a firmare una lettera di auto dimissioni con la quale si assume la responsabilità di quello che può accadere durante il traporto, sollevando l’ospedale da ogni genere di obbligo per le eventuali complicazioni, per cui comunque è presente a bordo tutto quello che serve per intervenire tempestivamente.

Per saperne di più, clicca qui www.ambulanze-privateroma.it .